Un pensiero…

… finito il polverone…

a tutte quelle bambine che sono state stroncate nel fiorire della vita, ho una figlia di tre anni, che in questo momento è qui vicino a me a giocare con i suoi giocattoli, ogni tanto mi dice qualche parola che inizia piano piano ad avere un senso, quella sua testolina che inizia a fare pensieri propri, che inizia a fare le bizze, che quando vuole ballare al ritmo di Fabri Fibra o di J Ax, mi spinge via e mi grida “Biaaaaa, BAI BBIAAA” perché voglio ballare insieme a lei, mentre lei vuole che la stia a guardare, ma non le devo rubare la scena, il palcoscenico è solo per lei, e non vuole concorrenti…

Ma invece a volte mi prende per mano, e vuole che la faccia volteggiare, e girare come una ballerina.
E poi penso a quelle bambine
E provo odio

ODIO

ODIO

per quei mostri che hanno stroncato la vita in fiore.

Non oso pensare l’impensabile.
Ho voluto aspettare che finisse il polverone, non mi volevo accodare alle persone che hanno sentito giusto esprimere il loro cordoglio su facebook sia per un caso che per l’altro. Non mi voglio accodare ai detrattori di quegli imbecilli che provocano con gruppi facebook di dubbio gusto e maggior dubbia intelligenza, certo hanno dimostrato che molti che li hanno avversati in fondo in fondo non sono diversi da loro… trasformando quelle due ragazze in meri pretesti per poter esprimere la loro supremazia sugli altri…

E adesso ci sono anche altre due bambine la cui vita forse è stata stroncata dal padre in un “diabolico” piano che è culminato con il suo suicidio, o forse, forse le sue bambine sono ancora vive, stanno bene e sono curate amorevolmente da una persona che non è la loro madre, ma che è stata pagata dal padre per averne cura, e magari lasciarle di nuovo alla madre trascorso un certo tempo, in un assurda e incomprensibile vendetta…

Non capisco, non capisco, mi rifiuto di capire come si possa fare del male a degli innocenti, non ho parole di perdono.

Le mie parole sono rabbia, vendetta, odio, giustizia.


Annunci

Piccole vendette quotidiane

Parcheggio creativo
Parcheggio Creativo

No. Non sono arrabbiato con nessuno, o almeno con nessuno in particolare, ma, vi è mai capitato che quando parcheggiate la macchina in un parcheggio a posti affiancati, voi state attenti a dove la mettete, e quello che la mette dopo di voi, se ne strafrega e vi parcheggia a due centimetri dalla portiera del guidatore?

Cosa fate in questi casi?

Bhe… io gli lascio il ricordino…

Se riesco ad entrare nello spazio che il gentil guidatore mi ha concesso, cosa che a volte non è facile con il mio airbag personale…

E che ricordino gli lascio?

Una piccola fitta nello sportello, coincidente con l’apertura del mio… si perché nell’entrare in macchina un po’ la portiera la devo cercare di aprire il più possibile…

Quindi sul lato passeggero del veicolo così elegantemente parcheggiato si crea la piccola fitta… Se putacaso non fosse venuta bene alla prima… bhe… per chiudere la porta bene devo sentire che si chiude… quindi riapro la porta… con un po’ di forza in più del necessario…

Poi vado via tranquillo…

Si è vero certe cose non andrebbero fatte…

Ma  a volte danno tanta soddisfazione…

P.S.

Guardando meglio la macchina mi sono accorto che qualcuno gli aveva fatto dei graffi con le chiavi sul portellone posteriore…

Sarà stato un caso?