One more turn…

 

Civilization 5
Civilization 5

Ok.

 

Ci sono ricascato.

Sono ripiombato nel tunnel oscuro dello strategico a turni per eccellenza.

Civilization.

E’ uscito da qualche settimana il capitolo cinque della magnifica “saga” di Civilization.

Che ho conosciuto per la prima volta nel lontano 1993.

Durante il periodo militare, ero in ufficio, e nel tempo libero in quei pc circolava un gioco particolare.

Civilization appunto.

La storia è pressappoco questa.

Hai un mondo da esplorare, hai un colono e un guerriero, parti dal 4000 a.c. ed arrivi fino al 2050 d.c. devi creare la tua civiltà, devi confrontarti con le altre, devi affrontare barbari, costruire città costruire le Meraviglie, irrigare campi scavare miniere, partendo dall’età della pietra fino a costruire l’astronave per arrivare a colonizzare Proxima Centauri…

In tutti i capitoli la storia e’ sempre pressappoco quella, quello che cambia e’ invece il contorno, le regole, il mondo.

Da un abbozzato mondo squadrato a fosfori verdi fino all’ultima versione con nubi onde del mare animate etc…

Attenzione è un gioco che da dipendenza… perché in fondo non è neanche una gara “contro” il pc, perché ci sono anche delle strategie di cooperazione con le controparti interpretate dal pc…

C’e’ molta libertà di azione, puoi costruire una civiltà militarista ed andare alla conquista del globo, arrivando a costruire nel quinto capitolo “Il robot gigante della morte” mentre i tuoi avversari hanno ancora i cavalli e le spade…

E te inizi ad invadere le altre civiltà come un alieno 😀

Oppure puoi puntare tutto sulla cultura e sulle città stato  novità di questa versione…

Ripeto… è un gioco che da dipendenza… perche’ quando sei arrivato in fondo… ti fa una domanda insidiosissima che ti immette in una spirale senza fine.

“Il gioco sarebbe finito, da ora in avanti non farai più punti, ma… vuoi continuare un’altro turno per vedere come va a finire?”

E allora…

one more turn…

 

 

Annunci

L’attentato (?)

Ho aspettato qualche giorno prima di scrivere qualcosa sul presunto attentato fatto a Belpietro.

Anche perché molti sono i dubbi che mi frullano per la mente, e a quanto pare non solo a me, a quanto dice questo articolo, anche gli inquirenti hanno qualche dubbio sulla versione del caposcorta di Belpietro, forse anche più di uno se si pensa ad un precedente episodio, durante il servizio di scorta effettuato per D’Ambrosio 15 anni prima.

Questa vicenda presenta veramente molti lati oscuri… per dileguarsi senza lasciare traccia occorre aver pianificato per bene la via di fuga, evitare tutti i punti controllati da telecamere, magari avere qualche complice che aiuti, e con tutta questa pianificazione, non si assicura che l’arma che dovrà essere utilizzata funzioni a dovere?

Oh… con questo non voglio certamente dire che l’attentato doveva riuscire… pero’ tutta questa ricostruzione stride un po’…

http://www.unita.it/news/italia/104208/l039attentato_a_belpietro_niente_tracce_tante_ipotesi

http://www.julienews.it/notizia/cronaca/lattentato-a-belpietro-rischia-di-essere-unaltra-bufala/56490_cronaca_2.html

Con i giorni che passano non sono solamente io ad avere dubbi su questa intera vicenda… certo è che vero o no questo attentato, il governo qui sta cercando di cavalcare la tigre, Maroni ha esplicitimente detto che la colpa e del clima di odio generato da internet e da facebook in particolare…

Come se loro da anni non stessero inneggiando alla secessione dall’Italia, come se loro da anni non stessero fomentando la paura del diverso… questo non e’ clima di odio,  no?

Maroni ha poi rincarato la dose dicendo che ci saranno altri attentati… purtroppo…

Come mai e’ cosi’ sicuro?

E non fa nulla per evitarli?

http://www.unita.it/news/italia/104208/l039attentato_a_belpietro_niente_tracce_tante_ipotesi