Sta partorendo in auto no del pronto soccorso – Napoli – Repubblica.it

La piccola stava nascendo, la testolina era già fuori dal corpo della madre. Eppure madre e figlia sono state mandate via dal pronto soccorso ostetrico di una clinica privata

via Sta partorendo in auto no del pronto soccorso – Napoli – Repubblica.it.

Mi sembra alquanto “strano” che un Pronto Soccorso Ostetrico, anche se privato non sia attrezzato per accogliere al mondo un bimbo che aveva già fatto gran parte della strada…

Sperando che i Carabinieri indaghino su questa vicenda, e che i medici responsabili vengano radiati dall’ordine dei medici…

Qual’è l’Italia che vogliamo?

 

Ah…

particolare, per me di nessuna importanza, ma forse per qualcun altro no.

Erano Pakistani.

Annunci

Arrestato per spaccio a bordo auto Minetti “Lui” suggerisce: “Denuncia il furto” | Redazione Il Fatto Quotidiano | Il Fatto Quotidiano

Polanco insiste: “Questo numero me lo ha dato Berlusconi”. Così Gian Valerio Lombardi arriva subito al telefono e fissa un appuntamento alla ragazza per il 13 gennaio spiegandole che può entrare “direttamente in Prefettura con la macchina”.

via Arrestato per spaccio a bordo auto Minetti “Lui” suggerisce: “Denuncia il furto” | Redazione Il Fatto Quotidiano | Il Fatto Quotidiano.

Così muore una democrazia…

potrei dire parafrasando una delle poche frasi memorabili dalla nuova trilogia di Guerre Stellari…

Non se se la tipa in questione abbia detto una stronzata o meno. Ipotizziamo abbia detto la stronzata…

“Questo numero me lo ha dato Berlusconi”…

Il problema non sta in B.

Il problema sta sempre e solo li, nell’Italiano prono e supino al potente di turno. Forte coi deboli debole coi forti.

Non ci siamo mossi dal “Mi manda Picone…”

E lo schifo aumenta…

Quando diventerà un’ondata di vomito?

L’italiano ha sempre avuto il vizio di lamentarsi, di pensare il peggio del proprio governo, di pensare che facesse le peggio cose, quindi uno si potrebbe domandare che cosa ci sia da meravigliarsi.

Il fatto è che quando si pensano e basta, uno può dirsi che in fondo pensare male del proprio governo è uno sport nazionale, che si sta facendo del complottismo da quattro soldi, della dietrologia, che ci siano i leccaculi è cosa nota e risaputa, che ci siano i favoritismi quello pure… non indigna la gente, la gente si abitua e cerca di approfittarne… per questo la mafia avanza, il clientelismo, il voler fare i “furbi” a tutti i costi…

Ma finché si pensano e basta, uno si può auto-convincere che ha una fervida immaginazione… ma trovarsele spiattellate davanti in tutta la loro oscenità… e quantomeno devastante…

… e lo schifo continua ad aumentare…

Trafugata la salma di Mike Bongiorno

MILANO – La salma di Mike Bongiorno è stata trafugata nella notte dal cimitero di Dagnente, piccola frazione di Arona (Novara). Per rubare le spoglie del noto presentatore, deceduto l’8 settembre del 2009, il ladro (o i ladri) hanno prima rotto la lapide della tomba.

via Trafugata la salma di Mike Bongiorno – Corriere della Sera.

… semplicemente senza parole.

 

Lettera aperta al PresDelCons

“Ciao PresDelCons, sono un bambino di 8 anni, purtroppo mio papà ha perso il lavoro, e non può pagare la retta per lo scuolabus, a scuola mi ci porterebbe volentieri, ma purtroppo non ha più la macchina, gli si è rotta, e la scuola è lontana, quindi anche volendo non può accompagnarmi a piedi, ché magari quando è bel tempo, si può fare anche una passeggiata, ma quando c’è scuola c’è sempre brutto tempo, e poi arriverei a scuola tutto bagnato, e poi con il peso dei libri…

Caro PresDelCons mi hanno detto che sei una persona di buoncuore, perché aiuti le persone che hanno bisogno di una mano, senza chiedere nulla loro in cambio, perché dovresti poi? Si aiuta quando uno ha bisogno, vero? E senza chiedere nulla in cambio, sennò che aiuto è?

Quindi ti chiedo caro PresDelCons, puoi aiutare me e gli altri miei amici che non riescono o a pagare la mensa o a pagare lo scuolabus?  Non chiediamo macchine o gioielli, ma solo un aiuto per continuare ad andare a scuola come gli altri nostri compagni.

 

Ciao da un bambino non italiano, ma che vuole imparare come tutti gli altri bambini italiani.”

 

Si lo so… è un po’ troppo melensa… però che vi aspettate da un bimbino di dieci otto anni?

 

Ragazzini prendono a calci un immigrato “Vattene via”. E i genitori ridono – Repubblica.it

Su una spiaggia di Civitanova Marche, cinque bambini di 10-11 anni aggrediscono e insultano un venditore ambulante che si era fermato a riposare su una sdraio. Gli adulti non intervengono e assistono divertiti

via Ragazzini prendono a calci un immigrato “Vattene via”. E i genitori ridono – Repubblica.it.

Sarà che sono di una generazione diversa, ma quando ero piccolo e mia madre mi portava al mare, quando passavano i venditori ambulanti sulla spiaggia, venivano trattati con rispetto, calore e amicizia, mi ricordo di una foto dove sono piccolino in braccio ad un marocchino che vendeva il cocco… mi chiamava cicciobello… a quanto mi raccontava mia madre…

Leggere questa notizia mi ha stretto il cuore, magari più di altre simili, forse perché mi ricorda il mio vissuto…

Ma questi ragazzini come lo renderanno il mondo di domani se OGGI prendono a calci una persona solo perché diversa da loro?

E i genitori?

Vivo in un Italia che non riconosco più…

Sinceramente ho paura…

Mea culpa, mea culpa…

Sembra che anche io non sia immune, come tanti altri esseri umani, dal cascare nelle bufale…

Sembra che tutta la faccenda dell’emendamento 1707 sia una bufala clamorosa…

una caciarata, che mi ha colpito però allo stomaco…

Qui ci sono le spiegazioni tecniche.

http://www.butta.org/?p=3559

http://www.ilpost.it/2010/06/10/pedofilia-1707-emendamento-intercettazioni-legge/

Ma allora c’è un’altra domanda che mi assilla…

Ma chi ci salva da questi incompetenti che non riescono a fare una legge che non dia adito ad interpretazioni ambigue?