Attentato a Belpietro, non ci sono tracce dell’attentatore, Notizie Milano, Ultime Notizie

il ministro Maroni ha dedicato parte del vertice di ieri in prefettura all’allarme legato alla vicenda: «Abbiamo studiato le misure per far dormire sonni tranquilli a tutti», ha raccontato a Radio Padania.

via Attentato a Belpietro, non ci sono tracce dell’attentatore, Notizie Milano, Ultime Notizie.

Questo suo far dormire sonni tranquilli a tutti non è che mi tranquillizzi poi tanto tanto…

Annunci

La luce in fondo al tunnel

Credo di essere proprio fuori, dalla maiala dico, mi sono rimasti addosso piccoli trascurabili strascichi, ma almeno mi reggo in piedi :-).

Nel frattempo cosa mi sono perso?

Vediamo, un militare psichiatra americano ha dato di matto e ha compiuto una strage nella sua caserma in Texas.
A quanto pare non voleva andare in Iraq.
C’è qualcosa che non mi torna.

Il “rassicurante” Maroni ci “rassicura”  dicendoci che potrebbero esserci “Cellule terroriste in Italia. Cresciute qui e pronte a colpire“, la “rassicurante” conclusione è che dobbiamo avere paura di chi non è italiano? (Oh… se è per questo noi italiani non è che abbiamo qualcosa da imparare in fatto di terrorismo. Abbiamo già dato, grazie. Abbiamo avuto già i nostri terroristi a cui pensare, non vogliamo quelli di altri.)

Però…

A Milano c’è stato un attentato riuscito male e il “kamikaze” si è salvato e per fortuna non ci sono stati altri feriti oltre lui. Si è parlato di atto singolo dovuto alla disperazione per la mancanza di lavoro, visto che il “protagonista” era ben integrato prima di perdere il lavoro.

A Fort Hood in Texas c’è stata la strage di cui parlavo sopra, l’ho detto che l’autore è di origini palestinesi?

Oh… non voglio dire niente, ma mi colpisce questa coincidenza…

Insomma non è un po’ come agiscono nei romanzi di spionaggio gli agenti in sonno?

Integrati nella società finché non ricevono l’ordine di agire…