Influenza suina e vaccino: sui dati reali e sul perchè ho deciso di non farlo. | Psiche e Soma

Nell’ultimo articolo “Vaccini e influenza suina. Foglietto illustrativo, categorie a rischio e qualche importante precisazione” abbiamo letto il foglietto illustrativo del vaccino, ne abbiamo imparato gli ingredienti principali e abbiamo visto quali sono le categorie a rischio.

Leggi l’intero articolo su…

Influenza suina e vaccino: sui dati reali e sul perchè ho deciso di non farlo. | Psiche e Soma.

 

Finalmente uno che parla chiaramente 😀

 

 

Annunci

La luce in fondo al tunnel

Credo di essere proprio fuori, dalla maiala dico, mi sono rimasti addosso piccoli trascurabili strascichi, ma almeno mi reggo in piedi :-).

Nel frattempo cosa mi sono perso?

Vediamo, un militare psichiatra americano ha dato di matto e ha compiuto una strage nella sua caserma in Texas.
A quanto pare non voleva andare in Iraq.
C’è qualcosa che non mi torna.

Il “rassicurante” Maroni ci “rassicura”  dicendoci che potrebbero esserci “Cellule terroriste in Italia. Cresciute qui e pronte a colpire“, la “rassicurante” conclusione è che dobbiamo avere paura di chi non è italiano? (Oh… se è per questo noi italiani non è che abbiamo qualcosa da imparare in fatto di terrorismo. Abbiamo già dato, grazie. Abbiamo avuto già i nostri terroristi a cui pensare, non vogliamo quelli di altri.)

Però…

A Milano c’è stato un attentato riuscito male e il “kamikaze” si è salvato e per fortuna non ci sono stati altri feriti oltre lui. Si è parlato di atto singolo dovuto alla disperazione per la mancanza di lavoro, visto che il “protagonista” era ben integrato prima di perdere il lavoro.

A Fort Hood in Texas c’è stata la strage di cui parlavo sopra, l’ho detto che l’autore è di origini palestinesi?

Oh… non voglio dire niente, ma mi colpisce questa coincidenza…

Insomma non è un po’ come agiscono nei romanzi di spionaggio gli agenti in sonno?

Integrati nella società finché non ricevono l’ordine di agire…

Tranquilli, l’influenza A è meno mortale di quella normale…

O almeno è quello che ci stanno dicendo.

Il mio dubbio è lo stanno dicendo per tenerci buoni, ed invece la maiala è veramente maiala, o tutto questo panico lo si deve al continuo strillare dei media, su chi muore, perché muore, come muore, mentre invece tutte le persone che muoiono per la normale influenza stagionale non fanno notizia?

Oh…

Ritengo sia giusto e doveroso informare, ma qui si sentono informazioni contrastanti, è a mio avviso questo che provoca ansia e preoccupazione nella gente, nonché un aumento della sfiducia in generale, “te mi dici che va tutto bene, ma io un ti credo mica…”

Perché se da una parte ci sono fior di eminenti dottori che dicono di stare tranquilli, i pediatri un giorno dicono di far vaccinare i bimbi, il giorno dopo dicono ma si può aspettare, e quello dopo ancora vanno in panico perché manca il vaccino, nel contempo dei bambini sono morti, ed i media come avvoltoi ci si sono lanciati addosso, facendo servizi strappalacrime aumentapanico.

Poi dicono che chi è morto aveva già dei problemi pregressi…

Pero due bambine di undici anni erano sanissime…

Non so proprio cosa pensare, però un grande scrittore un giorno disse una cosa enormemente giusta in ogni situazione.

NIENTE PANICO!

e comunque la risposta è sempre 42

E arriva la maiala…

No, non l’ennesimo scandalo political-sessuale, per maiala intendo l’influenza, mi sa proprio che la sto beccando…
Quindi meno esco meglio è 😛

Anche perché questa epidemia sembra stia imperversando dalle nostre parti, scuole semideserte, colpi di tosse a destra e a sinistra…

E meno male che secondo il Ministero della  Malattia ehm… Sanità, siamo di fronte ad un influenza di per sè meno virulenta e più benigna rispetto a quella stagionale…

Falla essere pure cattiva…

Oh… non so se ho la suina o meno… qualunque sia è maiala uguale…

 

Sick Smiley
Comme stò!!!!