Berlusconi

bPhon

Chiedo scusa…

… chiedo scusa, ma credevo di vivere in una democrazia compiuta, mi illudevo, evidentemente.
Chiedo scusa perché ho sempre pensato che chi continuava a votare per Berlusconi, dopo aver illuso tutti quanti, fosse un imbecille, la prima volta uno ci puo’ credere, ma dopo no, e quindi… erano tutti imbecilli?

No.
Lo ero io.
Che non avevo realizzato, che non avevo capito.

Certo, se fossimo stati una democrazia compiuta, le persone che continuano a votare uno che le ha prese per il culo per degli anni, un po’ di imbecillità la devono avere.
Ma qui non siamo in democrazia.
No.
Proprio no. Decisamente no.

Viviamo in uno stato feudale, mascherato da democrazia.
Ma le elezioni servono esclusivamente ai “feudatari” per confermare il loro potere di fare quello che piu’ aggrada loro.

E quindi è perfettamente logico e normale, in uno stato feudale, seguire un leader carismatico e alla malora le leggi, perché sono leggi fatte da altri.
In uno stato feudale, il leader carismatico, è immune alle leggi, non desta scandalo il suo comportamento.
In fondo ha il potere. Ed è quello che conta.

E quindi sono io l’imbecille che ha creduto di essere in uno stato di democrazia.

Sono io l’imbecille che cercava di votare secondo scienza e coscienza.
Stolto me.
Stolti voi che l’avete fatto.

Vendetelo il vostro voto, a poco prezzo, a caro prezzo, fatelo voi il mercato, ma intascate subito il compenso pattuito per il vostro voto.
Che se aspettate dei risultati dalle persone che avete votato, state freschi.
Sceglietevi un leader e seguitelo, non importa quale, non importa quale idea professi, l’importante è stare vicini alla sua fonte di potere, magari qualche briciolo vi puo’ capitare…

E quindi chiedo scusa a tutti quei milioni di persone che hanno votato e che voteranno per Berlusconi.
Renzi ha mostrato chiaramente che il Vecchio Leone per quanto acciaccato è ancora potente, e non c’è nessun Giovane Leone in grado di prenderne il posto, per quanto ci sia qualcuno che scalpita, ma invece di ruggire miagola…

Non ho consigli da dare.
Non so neanche perché scrivo questo sfogo…
Ma non mi riconosco piu’ in questo paese.

L’unico consiglio che mi sento di dare, è l’esortazione che Gandalf fece ai suoi compagni durante lo scontro con il Balrog.

“Fuggite… sciocchi”

Due mesi dopo…

Riprendiamo un po’ in mano questo blog, impegni personali e anche un po’ di “blocco” creativo, mi facevano aprire il blog, premere su aggiungi nuovo post, e poi richiuderlo… a volte capita :-P.

 

Cos’è successo nel frattempo nel mondo?

Di tutto di più, Pisapia che vince a Milano i ballottaggi, in seguito ad una campagna elettorale avvelenata da Letizia Moratti con accuse assurde, e trasformata dalla Rete in un colossale boomerang per la Moratti stessa.
De Magistris diventa sindaco di Napoli, nonostante il Pd, e adesso se la sta vedendo con la “munnezz” che è ritornata più prepotente di prima, i referendum che sono stati vinti e con il quorum che è stato raggiunto, sembrava veramente che spirasse un vento di cambiamento, un uragano che spazzasse via i mefitici fumi maleodoranti di quella cloaca a cielo aperto che è il nostro parlamento…
Un Berlusconi finito, morto politicamente, a cui nessuno aveva il coraggio di dire, in una recente occasione, che stava parlando telefonicamente a delle sedie vuote…
Bastava un piccolo sforzo per finirlo del tutto…

E che succede ora?
arriva la cavalleria a salvarlo…

Berlusconi che si avvicina in parlamento a Di Pietro, confabulano, chissà cosa si dicono, e Di Pietro, grande accusatore di Silvio,  vincitore dei referendum, che è stato uno dei pochi fin dall’inizio a volerli e a promuoverli,  già dopo la vittoria dei referendum ha iniziato a “ammorbidirsi” a “moderarsi”.
“Ma si’ abbiamo vinto Berlusconi, ormai fa pena, non ha senso continuare con l’anti-berlusconismo…”

Sono un ingenuo.
Mi fido delle idee, mi fido delle persone.

Ma comincio a perdere un po’ di quella fiducia…

Ed ora Tonino mi viene fuori con un “no alle primarie con candidati alla Vendola”…

Ecco.

Io questa frase non la capisco.

Cos’è un “candidato alla Vendola”?

Ma hanno cosi’ paura di perdere la poltrona sta gente?
Cosa devo pensare?

Che ha ragione chi dice che in fondo sono tutti uguali?
Berlusconi porta veramente sfiga…
Lo ha capito.
E lo sta sfruttando, come un Re Mida all’incontrario, che tutto cio’ che toccava diventava oro, tutto quello che tocca Berlusconi si trasforma in merda, Di Pietro era l’uomo vincente dei referendum, avviciniamoci a lui raccontiamogli qualche cavolata, e cosi’ sarà costretto a difendersi dai suoi che lo accuseranno di coalizzarsi con me… anche perché nel frattempo si è ammorbidito nei miei confronti…

Mah…
Sinceramente sono perplesso e anche un po’ deluso…
La sindrome di Tafazzi colpisce ancora…

 

andiamo avanti cosi’… facciamoci del male.

 

L’Italia va a fondo… ed io mi diverto

Mi diverto perché nonostante tutto, saprei che se si votasse domani, rivincerei ancora, perché in fondo gli Italiani sono come me, si riconoscono in me, e più gli altri, i Comunisti, che ho re-inventato io, per dare un Nemico Comune a chi mi sostiene, più gli altri mi attaccano, più i miei fedeli elettori si stringono attorno a me.

Mi amano? Mi temono? Vogliono qualcosa da me?

Un po’ di tutto questo.

Si ho letto le intercettazioni, dove quelle ragazze mi dicono dietro le spalle che sono un vecchio porco, che la statuetta me la vogliono tirare, e chiaccherano e chiaccherano…

Ma intanto sono inginocchiate, mi chiamano amoruccio tesorino quando in realtà magari provano pure schifo…

Ma sono più potente del loro schifo…

Perché in fondo è questo il potere, non è altro, costringere la gente ad abbassare la testa, a fare quello che vuoi TU, nonostante loro non lo vogliono fare, e sai che non lo vogliono fare, è questo che mi fa GODERE, e voi COMUNISTI DEL CAZZO non potete fare altro se non mangiarvi il fegato.

HO CAMBIATO L’ITALIA. A mia immagine e somiglianza, i miei frutti saranno vivi per molto molto tempo.

SONO IMMORTALE, perché anche da morto non vi libererete di me. Perché ci sarà sempre chi mi osannerà, sono solo? Non ho amici… ‘fanculo gli amici, non mi servono, ho dei servi, che è decisamente meglio, gli amici potrebbero dirmi di non fare le cose che mi piacciono fare, i servi mi dicono sempre di si… rubano alle mie spalle?

E lasciali rubare…

Perché tanto il mio marchio è OVUNQUE.

Persino dentro di voi io ci sono.

Non vi libererete mai veramente di me.

 

Addio Pdl, si chiamerà Italia il nuovo partito di Berlusconi – Repubblica.it

ROMA – Berlusconi si sarebbe deciso: sarà semplicemente “Italia” il nome della nuova creatura politica che prenderà il posto dell’ormai disintegrato Pdl. A rivelare la scelta è l’agenzia Dire 1 che sul suo sito pubblica anche il logo che dovrebbe sostituire quello attuale. Un cerchio azzurro con fascia tricolore al centro non molto diverso da quello attuale ma con la grande scritta “Italia” in stampatello nel lato superiore e “Berlusconi presidente” in quella inferiore.

via Addio Pdl, si chiamerà Italia il nuovo partito di Berlusconi – Repubblica.it.

Quest’uomo è un genio del ma…rketing…

Certo prima ci ha tolto la soddisfazione di gridare “FORZA ITALIA!”  ma che adesso ci tolga la soddisfazione di definirsi Italiani… bhe…

onestamente mi pare un po’ troppo… spero solamente che sia una “boutade” per bruciare quell’opzione…

Sicuramente “italia” non rappresenta tutti gli ITALIANI…

Pero’ già me lo vedo…

“ITALIANI!!!” (ops… ho un senso enorme di deja-vu)

 

 

Berlusconi chiamato al Copasir… e si fa attendere.

«C’è una legge dello Stato italiano – spiega D’Alema – che dice che il presidente del Consiglio viene regolarmente ascoltato in quanto lui è il responsabile della sicurezza e noi dovremmo ascoltarlo. Rutelli, prima di me, lo ha invitato tre volte. Lui non si è mai presentato». «Il problema è un po’ curioso: noi vogliamo solo applicare la legge. Il presidente del Consiglio è piuttosto refrattario ad applicare le leggi ma dovrebbe venire perchè così dice una legge dello Stato italiano. Nella situazione in cui ci troviamo -aggiunge-, siccome la vigilanza del capo del governo non è un affare privato, ma fa parte della sicurezza della Repubblica, noi vogliamo anche discutere con lui della protezione della sua persona e delle condizioni in cui lavorano le scorte che sono agenti dei servizi segreti e che agiscono sotto il nostro controllo».

 

Mi domando a cosa serva il Copasir, visto che si possono ignorare tranquillamente le sue chiamate. Come è che se io non mi presento in tribunale, se chiamato, mi mandano i carabinieri a casa a prelevarmi?

Davvero D’Alema non ha un modo per obbligare il PdC a rispettare la legge?

 

Lettera aperta al PresDelCons

“Ciao PresDelCons, sono un bambino di 8 anni, purtroppo mio papà ha perso il lavoro, e non può pagare la retta per lo scuolabus, a scuola mi ci porterebbe volentieri, ma purtroppo non ha più la macchina, gli si è rotta, e la scuola è lontana, quindi anche volendo non può accompagnarmi a piedi, ché magari quando è bel tempo, si può fare anche una passeggiata, ma quando c’è scuola c’è sempre brutto tempo, e poi arriverei a scuola tutto bagnato, e poi con il peso dei libri…

Caro PresDelCons mi hanno detto che sei una persona di buoncuore, perché aiuti le persone che hanno bisogno di una mano, senza chiedere nulla loro in cambio, perché dovresti poi? Si aiuta quando uno ha bisogno, vero? E senza chiedere nulla in cambio, sennò che aiuto è?

Quindi ti chiedo caro PresDelCons, puoi aiutare me e gli altri miei amici che non riescono o a pagare la mensa o a pagare lo scuolabus?  Non chiediamo macchine o gioielli, ma solo un aiuto per continuare ad andare a scuola come gli altri nostri compagni.

 

Ciao da un bambino non italiano, ma che vuole imparare come tutti gli altri bambini italiani.”

 

Si lo so… è un po’ troppo melensa… però che vi aspettate da un bimbino di dieci otto anni?