La strada della Furiosa (Considerazioni a cdc su Mad Max: Fury Road) (piccolo aggiornamento)

AMMIRATEMI!!!!

No. Non me. Il film dico, ammiratelo, con stupore e meraviglia, come ho fatto l’altra sera al cinema.

E’ un sequel? No E’ un Prequel!? No è un uccello che vola!!!
Nemmeno… è una macchina che viene travolta da una tempesta di sabbia…

Dopo trent’anni ritorniamo in quel deserto post-atomico che tanto ci è caro…

Di recensioni tecniche ne troverete a bizzeffe e non ne darò, quello che cercherò di fare è di comunicare le mie sensazioni, le mie emozioni un po’ a mente fredda… (ma poco… che c’ho ancora l’adrenalina in circolo)

Fury Road è la storia dello scontro di due sogni, due sogni antitetici, opposti, conflittuali. E’ chiaro che uno dei due debba soccombere.

Il primo è il sogno di Furiosa, l’Imperatrice Furiosa, che fugge dalla relativa sicurezza della Cittadella portando con se un carico prezioso.
Furiosa ha il sogno di ritornare al Posto Verde, ricordo della sua infanzia ormai lontana ma sempre vivido nella sua mente.

Furiosa è un pezzo grosso nella Cittadella, una persona che si sa fare rispettare, una persona che ha lavorato come un fiume carsico per poter arrivare a realizzare il suo sogno. Ed è all’inizio di questa sua impresa che noi la incontriamo.

L’altro sogno è quello di Immortan Joe, lui sta cercando di salvare l’umanità, un’umanità spezzata, malata, derelitta, sconfitta dalla guerra.
Immortan Joe è il Re della Cittadella, è colui che dispensa l’acqua che la dosa, avvertendo di non divenirne schiavi, come se fosse una sostanza che da assuefazione… E con buona ragione, vista la scarsità di questa risorsa necessaria.

Non è un mondo per mammolette questo.
Non esiste il giusto o sbagliato, esiste la sopravvivenza, ad ogni costo.

Dicevamo due sogni in conflitto, quello di Furiosa, e quello di Immortan Joe, che per realizzarlo ha bisogno di qualcosa di prezioso.

Già.

Il carico che Furiosa si è portata dietro nella sua fuga.

Questo è principalmente il motore del film.

E Max?

Che ruolo ha Max in tutto questo?

Max è l’uomo che non ha sogni, che li rifugge perché i suoi sogni sono incubi, sono le persone che sente di aver tradito, i suoi sensi di colpa che lo accompagnano sempre.
Perché Max di persone ne ha lasciate indietro tante. E’ un sopravvissuto, e non cerca la morte eroica, lui cerca sempre un modo di sopravvivere, e se per sopravvivere deve lasciare indietro qualcuno…

Sopravvivenza ad ogni costo…

E poi ci sono loro… i figli della guerra, pallidi, emaciati, guerrieri malati votati al Valhalla… e la gioia dei loro dentisti con i loro denti cromati a spray… (mi chiedo se faccia male… ma visto il momento in cui lo utilizzano, credo che importi poco loro)

Due ore passate in un soffio e con il cuore in gola…

AMMIRATEMI!!! (No. Non me, il film dico)

 

Addendum:

Guardando il film in lingua originale, Imperator è un titolo, un ruolo, non il nome.

Quindi anche la traduzione italiana è “corretta”

Il dialogo è piu’ o meno questo,

An imperator has gone rogue.
-who?
-Furiosa.

Quindi ci saranno sicuramente altri imperator all’interno della cittadella.

Annunci