Berlusconi: “Protezione civile mai più in Abruzzo, rischia spari” – Repubblica.it

“La Protezione Civile non si recherà più in Abruzzo finché esisterà l’accusa di omicidio colposo”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, intervenendo all’Assemblea di Federalberghi, a Roma. E il premier rivela di aver dato disposizione agli uomini della Protezione civile di non recarsi nelle zone terremotate in Abruzzo o, quanto meno, di farlo senza rendersi riconoscibili perché “qualcuno con la mente fragile rischia che gli spari in testa”.

via Berlusconi: “Protezione civile mai più in Abruzzo, rischia spari” – Repubblica.it.

E perché mai qualcuno dovrebbe sparare alla protezione civile?

Forse che hanno veramente qualcosa da farsi perdonare in Abruzzo?

Non mi sembra che gli Abruzzesi siano il tipo da sparare agli operatori della protezione civile…

Che cosa mi rappresentano queste “minacce” di non far venire più la protezione civile se l’inchiesta non viene ritirata?

Mah…

Annunci

5 pensieri su “Berlusconi: “Protezione civile mai più in Abruzzo, rischia spari” – Repubblica.it

  1. http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_delle_scosse_del_terremoto_dell%27Aquila_del_2009

    Qui l’elenco delle scosse con magnitudo maggiore a 3 della scala richter avute prima e dopo la forte scossa del 6 aprile.

    Tieni presente che le scosse sotto 3 sono a malapena percettibili e quindi ininfluenti (di quelli sotto 2 nemmeno ce ne accorgiamo).
    Se guardi questa tabella e pensi che ci sono ancora oggi in piedi delle case che non sono cadute dopo la scossa del 6 aprile, ti dovrebbe essere abbastanza chiaro che, a meno di non trovarsi in una casa già fatiscente e probabilmente costruita molti decenni fa, le probabilità che una scossa di terremoto inferiore a magnitudo 5 possa causare danni strutturali è molto bassa.

    Tra gli edifici crollati c’era la sede del governo. Un controllo fatto in precedenza aveva appunto detto che non avrebbe resistito a una scossa superiore a magnitudo 5. Per quanto riguarda la casa dello studente è venuta giù perché non è stato fatto un pilastro che nel progetto era previsto.

    Tieni presente inoltre che lo sciame sismico era in movimento (epicentri sempre in luoghi differenti) e mi chiedo quanto tempo dovrebbe occorrere per controllare centinaia di migliaia di abitazioni in tutta la provincia…

    Siamo realisti, per quanti sforzi potevi fare era impossibile controllare tutto quello che c’era da controllare. Ci sono state 7 scosse prima del 5 aprile comprese tra 3 e 4 (quindi molto leggere) e se dovessimo pensare che dopo 7 scosse c’è il serio pericolo che le case si siano danneggiate gravemente, allora dovremmo assistere a crolli quotidiani in tutta Italia.
    Tieni presente che in tutto il mondo si verificano circa 130 scosse al giorno di magnitudo 3 e circa 15 scosse al giorno di magnitudo 4. Considerando che l’Italia è una terra sismica staremmo messi veramente male.

  2. Premessa: io ho una cugina di secondo grado che studia a L’Aquila. Il giorno del terremoto alla prima scossa forte, quella delle 23 è scappata di casa e appena uscita è crollato tutto e per fortuna ha avuto solo qualche graffio.
    Il punto è che quella non era la scossa più forte, quella delle tre e mezza di notte che perfino io da Roma ho sentito perché ero a lavoro.

    Sinceramente dopo la scossa delle 3 moltissime persone sono rimaste in strada e questo ha reso sicuramente meno pesante la conta dei morti.

    Detto questo però, voglio sottolineare che la presenza di uno sciame sismico di lunga durata non aumenta le probabilità che vi sia una scossa di terremoto più potente delle precedenti. Anzi, per certi versi uno sciame sismico è più rassicurante perché indica che le tensioni della crosta terrestre si liberano gradualmente.
    Un terremoto molto potente invece è causato da un enorme accumulo di energia che si libera improvvisamente.

    Dopo il 6 aprile lo sciame è continuato per quasi un anno con scosse anche più potenti di quelle dei mesi precedenti ma comunque inferiori di molto a quella delle 3 e mezza di quel giorno.

    Ora io non ho mai sentito in vita mia un’inchiesta per “mancato allarme” ma ne conosco moltissime per “procurato allarme”. Secondo te cosa si doveva fare, dire a tutti i cittadini di non stare tranquilli perché non si sa mai, forse da qui all’eternità potrebbero esserci scosse più potenti?
    Te lo immagini in California una direttiva governativa che obbliga tutti i cittadini californiani a dormire, vivere e lavorare all’aperto perché non si sa mai che arrivi il big one?

    Per favore non scherziamo su queste cose. Azioni preventive possono essere giustamente intraprese laddove si hanno conoscenze importanti che ti permettono di prevedere con largo anticipo cosa può succedere. Laddove non si ha la possibilità di prevedere cosa può accadere non puoi far altro che cercare di rassicurare le persone e di non alimentare un panico che potrebbe non essere giustificato.

    Noi sappiamo che i vulcani esplosivi di solito danno dei segnali prima di esplodere. Di solito si gonfiano, quindi facendo le monitorizzazioni del territorio si può attuare un piano di evacuazione, ma non sappiamo se con settimane, giorni, ore o minuti di anticipo, perché quello che accade “di solito” potrebbe o non verificarsi affatto oppure verificarsi a una velocità maggiore “del solito”.

    Sinceramente posso pensare tutto, ma non che migliaia di persone (perché di un vastissimo numero di persone stiamo parlando) possano essere così ciniche da tranqullizzare le persone quando in realtà dovrebbero metterle in guardia. Stiamo parlando di carabinieri, poliziotti, vigili del fuoco, impiegati statali, volontari della protezione civile, scienziati, giornalisti, tecnici, ingegneri.

    Tutti in silenzio? Nessuno che esca a fuori a dire: “accidenti lo sapevamo e ci hanno costretto a tacere”? E come mai, se lo sapevano, molti di loro o sono stati essi stessi vittime oppure hanno avuto parenti tra le vittime?
    Io ai teoremi da “male assoluto” non ci ho mai creduto.
    Se vivessi in una nazione con il giusto livello di civiltà troverei sui giornali il capo dell’opposizione indignarsi per l’inchiesta sul “mancato allarme” e che pretende le dimissioni di quei giudici, perché non si possono fare affermazioni antiscientifiche con leggerezza speculando sui morti.

    Perché anche l’opposizione aveva il presidente di provincia e perché non si sa mai che possa accadere un altro terremoto quando al governo ci sarà l’opposizione come per altro è successo in umbria nel 1997. Non si può accettare la tesi della prevedibilità del terremoto e del “mancato allarme”.

    • Non si può accettare la tesi della prevedibilità del terremoto e del “mancato allarme”.

      Vero verissimo…
      Ma IMHO non si tratta di accettare la tesi della prevedibilità del terremoto, ma solo di assicurare nei limiti del possibile la stabilità o meno di una struttura in seguito a numerose scosse già avute e probabilmente con altre scosse in arrivo…

      Senza aspettare il “big one”…

  3. Non ho seguito la vicenda relativa a questo commento di Berlusconi. So però che l’altro giorno dei magistrati hanno aperto un’inchiesta ridicola sul “Mancato Allarme” per il terremoto.

    Ecco, per quanto mi riguarda quei magistrati dovrebbero appendere la toga al chiodo e mettersi a zappare la terra. Perché hanno dimostrato di essere solo delle braccia rubate all’agricoltura.

    Va bene che ognuno è libero di esprimere la sua opinione per quanto idiota possa essere, ma qui si fa credere al comune cittadino che l’uomo possiede delle capacità paranormali quali quelle di prevedere i terremoti.
    Chi sostiene che vi sia stato un “Mancato Allarme” è un ignorante nella migliore delle ipotesi o un pericoloso ciarlatano che specula sull’ignoranza della gente nel caso peggiore.

    Questo modo di fare politica non mi piace proprio. Se io fossi il massimo esponente dell’opposizione mi ribellerei contro questa inchiesta della magistratura e obbligherei i magistrati a dichiarare pubblicamente su quali basi scientifiche sostengano che i terremoti possono essere previsti aggiungendo che in caso di mancanza di solide prove scientifiche mi aspetterei le loro immediate dimissioni.

    Ma qui siamo in Italia e perciò è sicuro che ci saranno politici imbecilli che ci speculeranno sopra. La scienza è una cosa seria. Le pippe mentali di certi idioti con la toga no.

    • Uhm… sinceramente non so cosa pensare e su quali basi pensano di poter basare il “mancato allarme”, allo stato dell’arte attuale i terremoti non sono prevedibili…

      Però…

      E’ vero che la terra in Abruzzo tremava da un bel po’ di tempo…
      E continuavano a dire di non preoccuparsi…

      Non mi ci vuole la sfera di cristallo per “prevedere” che comunque se la terra trema e continua a tremare prima o poi i palazzi subiscono delle lesioni…

      Verifichiamo giornalmente se la struttura di un palazzo ha subito lesioni…

      Certo potrò non sapere il “quando” ci sarà una scossa più grave delle altre, ma non posso certo ignorare un palazzo che, tipo la Casa dello Studente, già durante le altre scosse mostrava delle lesioni, non posso certo ignorare che chi ci stava abitualmente mi sta dicendo… “oh… ma qui che fa vien giù tutto?”

      Probabilmente da parte delle autorità competenti c’è stata sia impossibilità reale nel prevedere il quando, ma forse anche un po’ di troppa leggerezza nello stimare il reale stato di “salute” delle strutture che poi son crollate…

      Partendo dalla premessa che è impossibile prevedere quando effettivamente ci sarà un terremoto distruttivo, non è impossibile però accertarsi dello stato di salute di una struttura già lesionata dalle scosse precedenti…

      Quindi probabilmente è su questa base che questa inchiesta si dipana…

      L’allarme era già stato dato dai ragazzi residenti nella “casa dello studente” perché non si è approfondito?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...