IL NUOVO CENTROSINISTRA PROPOSTO DA DEMAGISTRIS!

De Magistris vuole fondare un altro movimento di centrosinistra?

E quando mai si finirà allora…
Il centrosinistra rischia di diventare un millepiedi, e se tutti i piedi vanno nella solita direzione, allora nessun problema, ma se viste le premesse, tutti i piedi tendono ad andare nella LORO direzione allora siamo al caos più totale…

Visti i risultati elettorali non sarebbe meglio se TUTTE le forze del centrosinistra non facessero un passettino indietro?

Capisco le lodevoli intenzioni di TUTTI quanti, però a volte si rischia di ottenere l’effetto contrario…
Tutti vogliamo la stessa cosa, unirsi per battere il centrodestra con la sua politica che sta portando l’Italia allo sfacelo culturale, economico e morale.
E cosa si fa, invece di trovare un punto comune in cui Tutte le forze che si oppongono all’attuale governo ci possano stare, si fonda un altro partito, fronda o movimento che sia?

I romani dicevano dividi et impera…
Noi ci dividiamo ulteriormente loro governano…

Facciamo tutti quanti un bel respiro, e cerchiamo un po’ di capire dove si sta andando.
Con tutto questo auguro buona fortuna a De Magistris, ma a questo punto il dubbio che tutti quelli che nel centro sinistra si presentano con il LORO movimento e la LORO idea di come sconfiggere le destre lo vogliano fare perché magari in fondo piace l’idea  di essere a “capo di…” per quanto piccolo possa essere, perché magari l'”essere parte di…” un qualcosa di più grosso va stretto… E questo IMHO è frutto della vecchia cultura proporzionale della Prima Repubblica… non dico che sia un male, anzi probabilmente quando passammo dal proporzionale al maggioritario facemmo il passo più lungo della gamba, ma purtroppo siamo in maggioritario, e l’essere un movimento minoritario purtroppo non aiuta se non si trovano punti comuni con altri movimenti simili… che sulla carta ci sarebbero pure, ma e qui conta anche la smania di protagonismo di alcune persone,  i passi necessari per mettere a frutto i punti in comune non vengono fatti… e questo sinceramente mi fa stare male…

Parafrasando il Cav… in questo pollaio ci sono troppi galli…

Cosa mi aspetto che succeda?
Non mi dispiacerebbe che si aprisse una grande discussione democratica fra tutte le forze dell’attuale opposizione, ci vuole un ricambio netto dell’attuale dirigenza del Partito democratico, a partire dal basso, ci vuole una stagione continua di primarie, me le immagino come un torneo in cui tutti sono liberi di candidarsi per partecipare, fino ad arrivare alle nuove elezioni con un nuovo gruppo dirigente, ed un programma che tenga conto dei problemi Reali delle persone.

Magari succedesse davvero questo… ma perché succeda, bisogna che tutti quanti si faccia un passo indietro…

Advertisements

4 comments

  1. Beh… la questione di Luttazzi va un po’ al di là del cattivo gusto…

    È una questione di “strategia elettorale”. Se tu dici agli italiani che hanno votato per Berlusconi che a loro piace farselo mettere in quel posto, di fatto stai incentivando quegli italiani a continuare a votare per Berlusconi.

    La ragione è semplice. Se qualcuno ti dicesse che sei un fesso, saresti disposto a stare a sentire le sue ragioni, oppure ti chiuderesti in difesa e gli risponderesti per le rime?

    Se tu dici a un elettore di centrodestra che è fesso, quello dirà: “Ah sì? E io alle urne rivoto per Berlusconi, così vedi poi come rosichi…”
    E siccome la maggioranza dei voti ce l’ha Berlusconi…

    Strategia politica vorrebbe che ci si rivolga agli elettori cercando di convincerli delle proprie ragioni e non prendendoli a pesci in faccia.

    Luttazzi ha il diritto di parlare come tutti. È giusto che abbia la possibilità di parlare. Lui non è un politico, è un “cosiddetto” comico. Ma quando parla in un contenitore politico a chi porta voti?

    Capisco che queste sparate “esaltano” quelli della sua parte politica, ma irrigidiscono quelli dell’altra parte. Piccolo particolare: il centrodestra in Italia è maggioranza.
    Quindi irrigidire l’elettore dell’altra parte da parte dei simpatizzanti di centrosinistra è un gravissimo errore strategico.

    Poi la battuta a mio avviso oltre che dannosa sul piano strategico e volgare è anche vile e oltraggiosa per le donne.
    Vile perché solitamente in questi esempi chi subisce la sodomia è un uomo (a cui si suppone che non piaccia essere sodomizzato), ma la comunità gay probabilmente si sarebbe risentita e allora tanto vale trattare le donne come oggetto che ci sono “più abituate…” (e lo dico con sarcasmo nei confronti di Luttazzi).
    Oltraggiosa perché oltre a trattare la donna come un oggetto di piacere, si vuole sottointendere che, se anche la stai stuprando, prima o poi la donna (ma anche un uomo se avesse avuto il coraggio di dirlo) finirà col farselo piacere.

    La verità è molto più semplice. Se gli schieramenti politici sono gli “uomini”, l’elettorato è la donna che sceglie chi amare in modo consensiente. E in amore ci sta anche il sesso anale. Magari gli italiani sanno che chiunque votano, sempre in quel posto lo prendono.
    Non ci sono quindi “tre fasi”. Ne esiste una sola. Ci piace farcelo mettere in quel posto una volta da Berlusconi, una volta da Prodi, una volta da pinco, una volta da pallino. Però poi ci lamentiamo perché non ci fanno godere come vorremmo. Questa è la verità.

    1. Ne esiste una sola. Ci piace farcelo mettere in quel posto una volta da Berlusconi, una volta da Prodi, una volta da pinco, una volta da pallino. Però poi ci lamentiamo perché non ci fanno godere come vorremmo. Questa è la verità.

      Uhm… Non sono del tutto d’accordo, però il tuo discorso non fa una piega, rimane il fatto che noi italiani siamo rimasti ai tempi dei guelfi e dei ghibellini, e che si sceglie una parte non per ragionamento o condivisione di medesimi obiettivi ed ideali, che spesso sono quantomai fumosi e magari simili in certe cose fra i “due” schieramenti”, no si sceglie la parte per “fede” per tifoseria…
      Perché sei della Juventus?
      Perché ha la maglia bianconera…

      Perché sei del Pd?
      Perché c’ha la bandiera rosina e i suoi dirigenti vanno a trans…
      (Quelli del centro destra oltre ad avercelo duro(Lega), c’hanno pure il giro di Escort(Pdl))

  2. La verità è che ai politici di sinistra, nonostante l’area culturale di appartenenza, tuttosommato piace la figura del “duce”. E infatti ognuno di loro vuole fare il duce del suo movimento.

    Detto questo ci sono due precisazioni che vorrei fare.

    1) In Italia non è mai stato applicato il sistema maggioritario. Ancora oggi siamo in un sistema proporzionale con premio di maggioranza per la coalizione. Il vero sistema maggioritario non prevede l’esistenza di nessun sistema di recupero proporzionale. Chi vince in un colleggio, vince tutto.
    In Italia invece abbiamo fatto il solito pasticcio. Non lo chiamate sistema maggioritario, chiamatelo con il suo nome: PASTICCIO.

    2) Non solo i partiti di sinistra dovrebbero fare un passo indietro, ma anche il popolo di sinistra dovrebbe farlo e riflettere prima di parlare. Mi riferisco alla naturale tendenza del popolo di sinistra a prendere per scemi, idioti, cialtroni, ladri, delinquenti, puttanieri, psicolabili, psicopatici et similia chiunque non voti per la sinistra.

    Per esempio, io non voto per la sinistra. E non voto nemmeno per il centrodestra o per l’udc.
    Passo le elezioni a mettere la croce su partiti che non superano lo 0,8% dei voti e che spariscono tra una competizione elettorale e un’altra.
    Per esempio io tra la Bonino e la Polverini ho votato per Marzia Marzoli. Non so nemmeno chi sia e che idee abbia, ma so chi sono le altre due e da chi sono sostenute ed è per questo che ho votato per la terza incomoda.
    Però conosco almeno quattro persone che votano per il centrodestra che a queste elezioni si sarebbero astenute se non avessero sentito l’uscita di Luttazzi sul fatto che agli italiani piace farselo mettere in quel posto (e conosco anche una ragazza americana che si è sentita offesa come donna per quella battuta). Dopo aver sentito Luttazzi hanno detto: “vado a votare perché non posso far vincere queste persone qui…”.

    Al centrosinistra non serve “mettersi tutti inisieme” per battere il centrodestra. “Mettersi tutti insieme” non è un programma politico e non indica alcuna visione del futuro. Quando il centrosinistra riuscirà ad avere una nuova visione del futuro, un nuovo modo di intendere la società e avrà idee e programmi concreti, allora i voti arriveranno da soli.
    La Lega è l’esempio. Da venti anni batte il chiodo sul federalismo. E dagli oggi, dagli domani alla fine otterrà quello che vuole con l’acclamazione popolare. E mentre il popolo di centrosinistra dà dello scemo all’elettore della Lega, gli esponenti di questo partito vanno in mezzo alla gente a chiedere il voto per difendere gli interessi degli operai abbandonati dalla sinistra.

    Quando Berlusconi non sarà più in politica, la Lega prenderà il 40% dei voti da sola se il popolo del centrosinistra sarà ancora questo. La verità è che il PD è un partito elitario come tutti gli altri, un partito incapace di comprendere la società. Un partito che ha la presunzione di sapere qual è la verità e che quando non viene premiato alle elezioni se la prende con il “popolo che sbaglia”. Il problema è che se il popolo non ti capisce, probabilmente la colpa è tua che non sei stato in grado di farti capire.

    1. La verità è che ai politici di sinistra, nonostante l’area culturale di appartenenza, tuttosommato piace la figura del “duce”. E infatti ognuno di loro vuole fare il duce del suo movimento.

      Vero verissimo, è IMHO questo uno dei mali della sinistra…
      Per questo IMHO se non cambia qualcosa a livello di “base” i dirigenti dei partiti di sinistra saranno sempre i soliti…

      Ma NOI CITTADINI NON CI ACCORGIAMO CHE IN REALTA’ ABBIAMO NOI IL POTERE NELLE NOSTRE MANI?

      Basta non votare i soliti idioti…
      Sia di destra che di sinistra…

      Per quanto riguarda la Marzoli, bhe… indipendentemente dai numeri credo che tu NON abbia sprecato il tuo voto…

      Perché non esistono voti inutili quando sono dati in tutta coscienza…

      Per quanto riguarda invece Luttazzi…
      bhe….
      è stato volgare…
      di cattivo gusto…
      e magari non lo rivedremo in tv chissà per quanto…

      ma comunque doveva avere la libertà di dire quello che voleva…
      e l’ha avuta, grazie al programma di Santoro a “Reti unificate” 😛

      Perché per quanto crudo e volgare sia stato, io la penso esattamente come lui…

      Noi italiani siamo già alla terza fase del rapporto anale con il Cav…
      Ci piace da impazzire… 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...