«Settati, piccì». Supplente licenziato a Pordenone perché parla campano | MessaggeroVeneto

PORDENONE. «Settati piccì». Due parole bastano per essere licenziati, in aula. Il maestro A.B. supplente nel secondo circolo didattico di Pordenone è stato licenziato in tronco: non parlava italiano, dicono. Invitava il bambino in piedi a sedersi dietro il banco dicendo: “settati”. Nel terzo millennio sembra una storia alla Edmondo De Amicis, soltanto che non c’è il cuore a salvare il finale. Il maestro che parlava un mix di campano e toscano è finito disoccupato.

via «Settati, piccì». Supplente licenziato a Pordenone perché parla campano | MessaggeroVeneto.

E si continua a scavare sempre più in basso…

Annunci

One comment

  1. Faccio una premessa. Il licenziamento non sussiste. Qualsiasi ricorso del docente in questione finirà con la reintegrazione.

    Detto questo però mi sembra alquanto inopportuno parlare in dialetto a scuola. Nonostante quello che pensa Bossi e la Lega, il dialetto nelle scuole sarebbe l’ennesima sciagura che si abbatterebbe sul Paese.
    Inserire il dialetto nelle scuole favorisce l’uso del dialetto a discapito dell’italiano standard favorendo di fatto l’analfabetizzazione delle nuove generazioni.

    Lo studio dei dialetti (ma sarebbe meglio parlare di lingue visto che in realtà sono dialetti del “latino volgare” e non dell’italiano) è di competenza dei linguisti oppure degli appassionati di linguistica, ma alla scuola dell’obbligo è totalmente fuori luogo.

    Attenzione perché la lingua è di fatto il principale strumento di coesione nazionale.
    Inserire il dialetto nelle scuole è una questione politica molto grave perché favorirebbe di fatto la separazione dell’Italia e degli italiani.

    Ecco uno specchio di come potrebbe essere spaccata l’Italia per “affinità” linguistica.

    1) Italia nord occidentale + emilia romagna + marche settentrionali (gruppo galloitalico)
    2) Italia nord orientale (gruppo veneto, retoromanzo)
    3) Toscana, marche centrali, Umbria, province di Viterbo, Roma, Rieti, L’aquila, Frosinone e parte della provincia di Latina. (gruppo italoromanzo tosco-mediano)
    4) Il resto dell’italia peninsulare + Sicilia (gruppo italoromanzo meridionale e meridionale estremo)
    5) Sardegna. (Lingue sarde)

    Altro che federalismo…

    Considerato che l’italiano è un dialetto volgare italoromanzo tosco-mediano (il fiorentino scritto medievale perché parlato aveva le aspirate), il gruppo tosco-mediano è praticamente il solo che ha una notevole letteratura.

    Quindi non solo avremo un’Italia divisa, ma rischiamo pure che per larga parte sia povera di letteratura e di cultura e quindi di fatto semi analfabeta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...